Jump to content

Recommended Posts

Io sono tra quelle sempre in favore d'un'esperienza a Londra:D

Pero' io non avevo proprio nessun aspettativa quando ci andai, se non quella d'imparare l'inglese senza dover pesare finanziariamente ai miei genitori. Non avevo laurea e il mio inglese era basic, quindi i primi anni ho fatto di tutto, ma non m'importava; sono comunque convinta che, nonostante la crisi, chi vuole lavorare ha più possibilità qui' in UK che in Italia.

 

Anyway, Silvia ho appena messo in moto il plan B, speriamo in bene:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questo anche è vero Luca, il mio discorso era solo per dire che se c'è discriminazione c'è sia da una parte che dall'altra. Poi considera che in America sono molto piú ossessionati con il problema delle ethnic minorities e del razzismo, e finiscono per diventare discriminatori al contrario.

 

 

:yesey::yesey::yesey:

 

 

anche se io spero che continuino con il "razzismo all'incontrario" visto che, se claudia decide di tornare e ci trasferiamo li per lavoro, diventerei lo scroccone di turno :LOL:

 

che poi sarebbe vero a metà visto che, in caso di eventuale matrimonio, potrei prendermi la cittadinanza......... :stunned: ..........mmmhh

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma io parlo di persone che hanno studiato lì,che siano inglesi o non. prendi matteo,se non avesse studiato ad oxford col cacchio che l'avrebbero preso nelle case editrici,anche solo per un internship.

 

Beh, my two cents, per così dire (anzi pennies :D): ma io con una laurea conseguita a Messina (!!!) e un dottorato in Italia, il posto *per ora* l'ho trovato (e me ne avevano proposto anche un altro). Ovviamente è una cosa temporanea e se mi dici che tu ti riferisci a posti a tempo indeterminato magari hai anche ragione, ma insomma, non mi sembra ci sia una chiusura totale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anyway, Silvia ho appena messo in moto il plan B, speriamo in bene:D

 

Grazie Fab! :happy:

 

:yesey::yesey::yesey:

 

 

anche se io spero che continuino con il "razzismo all'incontrario" visto che, se claudia decide di tornare e ci trasferiamo li per lavoro, diventerei lo scroccone di turno :LOL:

 

che poi sarebbe vero a metà visto che, in caso di eventuale matrimonio, potrei prendermi la cittadinanza......... :stunned: ..........mmmhh

 

T'ho detto Lu, l'America e' mooooolto diversa da questo punto di vista, ne parlavo proprio l'altra sera con Marina. La questione razzismo, ethnic minority etc e' un argomento molto piu' 'caldo' e sentito, quindi merita un attimo un discorso a parte.

 

Se ti sposassi la cittadinanza sarebbe automatica o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites
va beh, ho capito... vada per il Giappone o la Nuova Zelanda... :rolleyes:

 

Evita il Giappone, lì sono pazzi e guardano con compassione a noi occidentali buoni a nulla :LOL:.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Certo che oh, siamo proprio bravi a incoraggiare la gente! :LOL: Un ottimismo c'abbiamo...!

 

Oh, io sulla Gran Bretagna non ho opinioni particolarmente negative :D, ma il Giappone mi pare terra di follia, non posso farci niente :LOL:. Lo dico perché di Giappone ne conosco un po' (anche se non ci sono mai stato), e insomma, ho visto cose che voi umani... etc. etc. :stunned:.

 

Resto dell'idea che l'Italia sarebbe il paese migliore del mondo, non fosse piena d'Italiani :rolleyes:.

Share this post


Link to post
Share on other sites

lascia stare la nuova zelanda, là son tutti fulminati!

 

o almeno quelli delle aziende con cui lavora la mia ragazza

 

 

senti, rimani in italia che è meno peggio và....:LOL:

 

io e la mia ragazza (son serio ora) stiamo veramente pensando, una volta intascato il gruzzolo dell'assicurazione (che non so quanto sia, ma calcolate che ho danni permanenti...) di andarcene -logico, dopo aver tastato il territorio e con opportunità concrete- ad oslo...

 

CAPITO FABIANA? :D:D:D (suggerimenti e consigli sarebbero ben accetti :D)

Share this post


Link to post
Share on other sites
sono comunque convinta che, nonostante la crisi, chi vuole lavorare ha più possibilità qui' in UK che in Italia.

 

....speranze per un grafico pubblicitario al momento occupato con la fisioterapia alla mano e schiena, ce ne sono?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ahahah :D

ma io ho un'amore sfrenato per il giappone :D

Se non fosse per la musica avrei iniziato da poco un corso di giapponese...

si, non sono normale.

 

Tuttavia per le mie doti lavorative troverei lavoro un pò in tutta italia, quindi se proprio devo trasferirmi posso scegliere dove andare (magari Roma... non per sempre...)

 

VA beh, cambiando discorso, cercando info su suoni ed effetti da usare per il tributo che sto mettendo in piedi, sono andato a leggere una discussione su http://musemuseum.forumfree.it

 

Mamma mia, terrore per quando riguarda rivalità tra tributi/coverband, insulti e offese gratuite.

Per un muse party (che non so neanche cosa sia...)

Adesso chi me lo fa fare di continuare con il mio intento?! ahuahauha

 

Suono su un tributo di Robbie Williams e conosco bene gli altri tributi, mai avuto un problema, anzi! (e ho un contratto per suonare all'hard rock cafè di bucharest 2 volte all'anno, tutto spesato... :D )

E suonavo su un tributo a Ligabue con ottimi successi e gli altri della zona li conoscevo senza avere rivalità.

 

Ma adesso che parto con sta roba figa dei Muse, rischio il linciaggio? E io che volevo divertirmi...:eek:

Share this post


Link to post
Share on other sites
....speranze per un grafico pubblicitario al momento occupato con la fisioterapia alla mano e schiena, ce ne sono?

 

Lu', io ti dico solo che conosco svariate persone in advertising (compresa una molto vicina a me :rollseyes:) e anche se molto competitivo so che ci sono un sacco di opportunita'. Le marketing agencies vanno a bomba.

 

ahahah :D

ma io ho un'amore sfrenato per il giappone :D

Se non fosse per la musica avrei iniziato da poco un corso di giapponese...

si, non sono normale.

 

Tuttavia per le mie doti lavorative troverei lavoro un pò in tutta italia, quindi se proprio devo trasferirmi posso scegliere dove andare (magari Roma... non per sempre...)

 

VA beh, cambiando discorso, cercando info su suoni ed effetti da usare per il tributo che sto mettendo in piedi, sono andato a leggere una discussione su http://musemuseum.forumfree.it

 

Mamma mia, terrore per quando riguarda rivalità tra tributi/coverband, insulti e offese gratuite.

Per un muse party (che non so neanche cosa sia...)

Adesso chi me lo fa fare di continuare con il mio intento?! ahuahauha

 

Suono su un tributo di Robbie Williams e conosco bene gli altri tributi, mai avuto un problema, anzi! (e ho un contratto per suonare all'hard rock cafè di bucharest 2 volte all'anno, tutto spesato... :D )

E suonavo su un tributo a Ligabue con ottimi successi e gli altri della zona li conoscevo senza avere rivalità.

 

Ma adesso che parto con sta roba figa dei Muse, rischio il linciaggio? E io che volevo divertirmi...:eek:

 

Ricordo che c'era stata una discussione anni fa (forse Fre si ricorda di piu'), comunque io di tribute bands non ci capisco nulla. Se devo essere sincera e senza nessunissima offesa per tribute bands varie, personalmente preferisco andare a vedere una band magari sconosciuta ma che fa musica propria, piuttosto che una cover band, quindi ecco perche' sono un po' quiet sull'argomento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ahahah :D

ma io ho un'amore sfrenato per il giappone :D

Se non fosse per la musica avrei iniziato da poco un corso di giapponese...

si, non sono normale.

 

Il giapponese è una bella lingua - nonostante quello che pensano tutti coloro che mi vivono intorno che si lamentano quando guardo le cose in giapponese con i sottotitoli :D. Credo che parlarla/capirla non sia nemmeno troppo difficile. La sintassi è molto regolare, i verbi non si coniugano come in inglese (una sola forma per tutte le persone)... certo ci sono concetti astrusi come i pronomi "di rispetto" - una specie di "lei" all'ennesima potenza. Solo per dire "io" esistono un sacco di pronomi: watashi, washi, atashi, ore, boku, giusto per menzionare quelli che ricordo, e ciascuno di essi ha una sfumatura diversa, alcuni più adatti alle situazioni formali, altri alle conversazioni tra amici, alcuni sono femminili altri maschili etc. Il vero casino è imparare a LEGGERLO :stunned:. Io mi sono sempre bloccato perché non riesco a imparare gli Hiragana, che sono "solo" 72 caratteri sillabici. Poi ci sono i Katakana, altri 72 caratteri sillabici che hanno esattamente lo stesso suono degli Hiragana ma si usano per scrivere le parole di origine straniera, e poi ci sono i Kanji, o gli ideogrammi, dei quali dovresti saperne un minimo di 2000 per capire correntemente un giornale o un libro per ragazzi, e probabilmente più di 10000 per leggere cose veramente complesse come poesie o alta letteratura :eek:.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se devo essere sincera e senza nessunissima offesa per tribute bands varie, personalmente preferisco andare a vedere una band magari sconosciuta ma che fa musica propria, piuttosto che una cover band, quindi ecco perche' sono un po' quiet sull'argomento.

Ahahha è anche per questo che continuo a registrare musica mia... così accontento tutti :D

E magari nel bel mezzo di un concerto cover Muse ci caccio una mia canzone... eheheh :LOL:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lu', io ti dico solo che conosco svariate persone in advertising (compresa una molto vicina a me :rollseyes:) e anche se molto competitivo so che ci sono un sacco di opportunita'. Le marketing agencies vanno a bomba.

 

.......e se ti spedissi qualche link dei miei lavori (oltre al mio sito che trovi in firma) da fargli vedere? buona o cattiva idea???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie Gan_HOPE326,

penso che da oggi opterò per l'alfabeto muto. Ho più speranze di successo. :stunned:

 

No no, il mio intento non era deprimerti, torna al giapponese :(, siamo già troppo pochi ad interessarcene!

 

Poi se la cosa ti rallegra l'unica volta che ho incontrato una ragazza giapponese in vita mia mi è bastato chiederle come si chiamasse in lingua per farla rimanere di stucco e attaccare bottone :LOL:. Ci sono dei vantaggi, ecco :D.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lascia stare la nuova zelanda, là son tutti fulminati!

 

o almeno quelli delle aziende con cui lavora la mia ragazza

 

 

senti, rimani in italia che è meno peggio và....:LOL:

 

io e la mia ragazza (son serio ora) stiamo veramente pensando, una volta intascato il gruzzolo dell'assicurazione (che non so quanto sia, ma calcolate che ho danni permanenti...) di andarcene -logico, dopo aver tastato il territorio e con opportunità concrete- ad oslo...

 

CAPITO FABIANA? :D:D:D (suggerimenti e consigli sarebbero ben accetti :D)

 

Be' Luca, dallo status che avevi messo su FB mi sembri gia' a buon punto con la lingua :LOL::LOL:

Guarda, come paese e' splendido, pero' e' anche molto caro , soprattutto per le cose 'fun' che vengono considerate superflue e quindi costano una cifra (bere, dolci, mangiar fuori, clubs, auto). Mio marito e suo fratello ormai ci vanno solo in vacanza, come me on l'Italia, pero' posso sempre chiedere info più dettagliate quando vuoi!:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si davvero, vai a mangiar fuori una pizza e una birra paghi quanto una cena all'Ivy di Londra!

Mia suocera si sente sempre milionaria quando viene a trovarci:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...